Read More
Suggestions

Gite fuori porta d’autunno: un weekend nelle Langhe

Autunno, stagione perfetta per fare delle piccole gite fuori porta. La prossima? La meta ve la suggeriamo noi: nelle Langhe, in Piemonte, per rifarsi occhi, palato e anche… guardaroba!

L’estate è ormai finita, l’equinozio ha sancito definitivamente il passaggio alla stagione dell’autunno. Che non necessariamente dev’essere associato alla nebbia, al freddo, ai maglioni di lana che prendono il posto dei costumi nel guardaroba… L’autunno può essere la stagione ideale per brevi gite fuori porta alla riscoperta della bellezza e dei sensi.

La nostra Italia è ricca di scorci paesaggistici, intrisi di storia e di cultura. Non solo, a ogni angolo c’è un piatto nuovo da provare e panorami da immortalare. Insomma, volendo, l’autunno può davvero rivelarsi interessante e divertente.

Per esempio, avete mai visitato le Langhe-Roero?

Per raggiungerle, dovrete impostare sul navigatore Alba, la cittadina in provincia di Cuneo, cuore pulsante della regione nella regione, ma intanto perdervi nella bellezza del territorio circostante. Dolci pendii tutti coltivati a vitigni, che in questa stagione si colorano, attingendo alle tinte più “calde” della tavolozza: porpora, rosso acceso, arancione, giallo, ma anche ruggine e rosa pesca, due nuance che ritroviamo anche nella nuova collezione FW di Arja Cajo, quella ispirata ai fiori secchi. Un foliage che scalda il cuore e che fa contrasto con il grigio caldo e l’indaco elettrico del cielo carico di nuvole e pioggia, tipico dell’autunno. www.arjacajo.it/fw21

                     

Rifarsi occhi e palato

Non per niente, questa è la zona che dà i “natali” a due tra le eccellenze vitivinicole più vendute e apprezzate al mondo: il Barbaresco e il Barolo, due vini rossi e fermi, decisi e avvolgenti, come la terra che li produce.

Ma non solo ci si rifà gli occhi e il palato, bevendo bene, ma anche mangiando divinamente: come non citare il tartufo, vere pepite di gusto, punta di diamante delle Langhe, cui è dedicata anche una Fiera internazionale che ogni anno si tiene ad Alba. I tajarin – i tagliolini piemontesi – al tartufo bianco sono davvero un piatto che va assaggiato almeno una volta nella vita. Accanto al tartufo, però, vera star del territorio, vi sono anche altre prelibatezze tutte da scoprire: la nocciola Piemonte, una delle più pregiate al mondo, la celebre lumaca di Cherasco e la salsiccia di Bra (entrambe le cittadine sono in provincia di Cuneo).

Vi è venuta voglia di fare un giro nelle Langhe?

Sfruttate quest’occasione: nel weekend del 2 e 3 ottobre Arja Cajo sarà tra gli espositori di “The Flairy Market” nei giardini del Castello Roero di Monticello a Monticello d’Alba. Tra un bicchiere di rosso e una visita ai castelli, di cui le Langhe son ricche, potrete venire a sbirciare la nuova collezione, lasciandovi tentare da uno scaldacollo o da un raincoat in palette con l’autunno!

https://arjacajo.it/categoria-prodotto/impermeabili/

 

Read More
News

Dry blossoms, la nuova collezione FW21

La nuova collezione Arja Cajo è dedicata ai fiori secchi, un nuovo modo di raccontare il mondo floreale e di regalare emozioni

Arja Cajo non smette mai di stupire. Dopo aver raccontato il mondo dei fiori con i suoi magnifici scatti riprodotti su foulard e capi d’abbigliamento ready to wear di pregevole fattura, ora la collezione F/W 2021 di Twin souls sarà sui… fiori secchi, «un’altra maniera per raccontare i miei amati fiori, che mi ha dato modo di utilizzare una palette di colori più… autunnale», spiega Viola Cajo De Cristoforis, fotografa professionista e cuore pulsante di Arja Cajo.

Quattro i protagonisti della nuova collezione

Cartamo, fiore di loto, protea e papavero, per una palette di tonalità che vira dai caldi e avvolgenti colori dell’autunno, come il ruggine e il rosa pesca, fino a quelli freddi e pungenti dell’inverno, come il grigio caldo e l’indaco elettrico.

I fiori secchi al centro degli scatti non sono stati scelti a caso: «Il cartamo è un prezioso alleato nella nostra vita quotidiana per le sue proprietà benefiche – spiega Viola, grande esperta di fiori e del suo significato – Il fiore di loto simboleggia la purezza spirituale e la rinascita, la protea rappresenta la diversità e coraggio di essere diversi, mentre infine il papavero è sinonimo di semplicità e di consolazione».

           

Indossare la fotografia

A essere “vestite” con questi scatti floreali sciarpe e stole capaci di dare un twist a qualsiasi mise, dal tailleur più serioso per andare in ufficio, all’abito lungo per partecipare a una cerimonia, veri long seller del brand Arja Cajo, in quanto accessori versatili e che non passano mai di moda.

Le novità

Accanto ai foulard, gli impermeabili in tre misure (small, medium e long), veri must have nell’armadio in quanto capaci di dare una svolta anche alla giornata più grigia.

E la novità di questa collezione: il collo di seta double, uno scaldacollo elegante e trasversale, che grazie a un bottone può essere indossato su entrambi i lati. Da abbinare a un cappotto formale, così come a un maglioncino più comfy, per adornare il collo con un tocco charmant.

                                                     

                         

I materiali

Ogni pezzo della collezione “Twin souls” può essere realizzato in diversi materiali – twill di seta, crespo di seta, modal, cachemire e la nostra immancabile lana, così impalpabile e senza tempo – selezionati dopo un’attenta scelta tra i fornitori che possano garantire sempre l’eccellenza produttiva 100% Made in Italy.

Personalizza

Come sempre, accanto alla collezione “Twin souls”, vi sarà la possibilità di richiedere una creazione ideata su misura, per farsi portatrici di un messaggio preciso o per regalare a chi amiamo una bellezza che dura per sempre.

Collegatevi al nostro e-shop e date un’occhiata: ordinate in prevendita i capi che più vi rappresentano, per una nuova stagione all’insegna della bellezza e dei messaggi positivi che piacciono a noi!

 

 

Read More
Suggestions

Libri per l’estate: i romanzi che parlano di fiori

Pronti per l’estate sotto l’ombrellone? Portate con voi questi libri: vi porteranno nel mondo dei fiori, un mondo che noi di Arja Cajo conosciamo molto bene…

Lo sapete che in casa Arja Cajo i fiori sono una vera e propria passione: Viola, la founder del brand, li fotografa da sempre e traendo ispirazione dalla loro bellezza, li ha “trasposti” su stoffe e tessuti preziosi per dar vita ai capi unici e irripetibili delle collezioni Arja Cajo, che trovate nel nostro e-shop.

Ciò che ci affascina dei fiori non è solo la loro naturale bellezza, ma anche il significato che celano: una rosa non è mai solo una rosa, lo sappiamo, ma può significare anche passione, gelosia, purezza… a seconda del suo colore.

Forse è per questo che ai fiori si sono ispirati anche tanti scrittori per i loro romanzi, creando dei racconti avvincenti e ricchi di sfumature. Qui di seguito ve ne suggeriamo alcuni, perfetti da divorare sotto l’ombrellone in questa estate tutta da vivere. Ah, inutile dirvi che noi li abbiamo letti quasi tutti! Buona lettura e… buona estate!

Donne che comprano fiori – Vanessa Montfort

A Madrid, in un quartiere bohémien, c’è il Giardino dell’Angelo, la piccola boutique floreale di Olivia. Qui, si incrociano le vite di cinque donne che comprano fiori, ma sempre per gli altri: Victoria per il suo amante segreto, Casandra per portarli in ufficio, Aurora per dipingerli, Gala per donarli alle clienti del suo showroom e Marina per suo marito, che è appena morta. Proprio quest’ultima comincerà a lavorare da Olivia per cercare di ripartire e conoscendo le altre quattro donne, stringerà amicizie forti e speciali, ricche di colpi di scena.

Quel che affidiamo al vento – Laura Imai Messina

Nel nord-est del Giappone esiste un giardino che si chiama Bell Gardia. Qui c’è una cabina telefonica, con un telefono non collegato, che si pensa possa servire per parlare con le persone nell’aldilà. Quando su quella zona si abbatte un uragano di immane violenza, da lontano accorre una donna, pronta a proteggere il giardino a costo della sua vita. Lei è Yui, e nel giorno in cui uno tsunami si abbattè sul Giappone, lei perse sua madre e sua figlia. Recandosi al giardino, incontra Takeshi, un medico con una figlia di quattro anni, muta dal giorno in cui perse la sua mamma. Da quell’incontro, nuovi fiori sbocceranno.

Il linguaggio segreto dei fiori – Vanessa Diffenbaugh

Victoria non ha avuto una vita facile. Per questo ha paura di amare e lasciarsi amare. L’unica cosa che ama sono i suoi fiori, piantati nel parco pubblico di Portero Hill, a San Francisco. Con i fiori lei comunica le sue emozioni e i suoi sentimenti. Ragion per cui nel suo lavoro di fioraia è imbattibile e i suoi fiori sono i più comprati della città: perché lei con i fiori ci parla e parla agli altri. Ma a un certo punto nell sua vita irromperà Grant, un ragazzo misterioso che sembra sapere tutto di lei e…

Cambiare l’acqua ai fiori – Valerie Perrin

Violette Toussaint è una persona strana, all’apparenza: guardiana in un cimitero, raccoglie le storie di chi va in visita ai propri cari defunti. Un giorno si presenta un poliziotto arrivato da Marsiglia, che le fa una richiesta stramba: sua madre, recentemente scomparsa, ha espresso la volontà di essere sepolta in quel lontano paesino nella tomba di uno sconosciuto signore del posto. Da quel momento, emergono strane vicende e legami, che nessuno sapeva, ma che adesso sono pronte a riemergere…

 

Donne che comprano fiori – Vanessa Montfort        Quel che affidiamo al vento – Laura Imai Messina        Il linguaggio segreto dei fiori – Vanessa Diffenbaugh       Cambiare l'acqua ai fiori – Valerie Perrin

Read More
News

Arja Cajo: la tua scelta sostenibile

Arja Cajo ha fatto della sostenibilità la propria bandiera: la founder Viola Cajo De Cristoforis ci spiega come

Arja Cajo è un brand che ama la natura. La ama per la sua bellezza, fotografandola e riproponendola come protagonista dei suoi capi e accessori. Ma la ama anche rispettandola e facendo una scelta di produzione che va sempre verso la sostenibilità.

La sostenibilità: personalizzazione e unicità

“Per Arja Cajo la sostenibilità è uno stile di vita che coincide con l’essenzialità e l’ascolto – spiega Viola Cajo De Cristoforis, ideatrice e founder di Arja Cajo – Essenzialità intesa come non spreco. Ascolto come unica risposta alle esigenze altrui”.

L’essenzialità si estrinseca in una produzione ad hoc, in base alla richiesta del cliente, quindi in un’ottica di personalizzazione e unicità e non spreco. Ma prima ancora la sostenibilità sta nella scelta della materia prima. “Solo materiali e tessuti naturali, per mettermi in ascolto della natura e delle sue esigenze: seta, bambù, cotone, lana, cachemire, lino, canapa, modal… I miei prodotti sono artigianali completamente Made in Italy, dal tessuto alla confezione. Inoltre, la scelta dei miei fornitori è fatta in Italia. Per lo più sono piccole aziende, che trattano piccoli numeri e pochi metri.

Una scelta di qualità non ha prezzo

Questo mi dà la possibilità di non produrre in più rispetto alla richiesta, ma ovviamente alza i prezzi. Ma la mia è una scelta precisa, una filosofia di vita: produrre meno, con più qualità e una maggior felicità”.

La produzione su richiesta, certo, ha i suoi tempi, non si tratta del pronto moda poiché è un prodotto unico, esclusivo, cucito su misura per te. “Bisogna che il cliente impari l’arte dell’attesa, ma dell’attesa di cose belle, una sorta di slow life che applico anche nella produzione, per fare le cose fatte bene”.

Il vero valore di questa catena di produzione è che gli ideali che Viola cerca di portare nella sua azienda vengono messi in pratica anche nella vita di tutti i giorni. “Il mio è uno stile di vita perché per prima cosa nella mia vita privata io applico queste “leggi” nel quotidiano. Faccio parte di quella categoria che less is more. La strada per arrivarci può richiedere tempo ed errori, ma cosciente che nella sintesi sta la risposta”.

Una scelta Green è anche una scelta di vita

E sta qui il segreto della sostenibilità come ascolto. “Credo che i grandi cambiamenti partano dal piccolo, dal singolo, da noi stessi e che solo così a macchia d’olio si possa arrivare al di più e ai di più, quindi sono fermamente convinta che ascoltando l’individuo e la sua richiesta si possa arrivare a grandi risultati. A un altro modo di vivere, più green e rispettoso dell’ambiente e dell’essere umano”.

Un progetto di passione

“Anche chi collabora con me fa la differenza: è arrivata a me perché trasportata dalla passione, innamorata del mio progetto. Perché prima di tutto credo in questo: nella forza della pancia e dell’amore. Nulla funziona se non si crede. E spero un giorno di creare uno spazio nostro dove le persone che collaborano a questo progetto “possano aver voglia di andare a lavorare”.

Tutte le creazioni di Arja Cajo in tiratura limitata le trovate nell’E-shop del sito, dove c’è anche la sezione You, per un capo personalizzato e su misura. Rispettoso e sostenibile, appassionato e raffinato.

Proprio come Arja Cajo, proprio come te.

Photo credit: Viola Cajo De Cristoforis