viaggiare in moto cose da non dimenticare
Read More
Suggestions

Viaggiare in moto: 7 cose da non dimenticare

Viaggiare è bello, permette di scoprire il mondo, conoscere culture diverse dalla nostra, assaggiare tipicità culinarie mai provate prima, esplorare posti del mondo indimenticabili e permette anche di “staccare la spina” dalla routine quotidiana, spesso fatta di stress e impegni di ogni genere.

Tra le diverse tipologie di viaggio che si possono scegliere, viaggiare in moto è uno di quelli da provare almeno una volta nella vita. Sappiate però che potrebbe appassionarvi a tal punto da non volerci più rinunciare.

La vita da centauri è una vera e propria filosofia, che accompagna ogni momento della giornata, ma per poterla vivere al meglio è importante essere equipaggiati correttamente, così da evitare spiacevoli inconvenienti.

Quando si sceglie di intraprendere un viaggio on the road a bordo di una moto, sia esso fatto in solitudine, sia esso fatto in compagnia, è bene non dimenticare mai alcuni capi e accessori decisamente fondamentali per vivere al meglio la vacanza a due ruote.

Viaggiare in moto: cosa portare?

Va da sé che viaggiare in moto richiede un piccolo sforzo nella preparazione delle “borse”. Anche per le moto più accessoriate, lo spazio è pur sempre contenuto, a maggior ragione se sulla moto siete in due. Risulta quindi fondamentale armarsi di santa pazienza per incastrare tutto alla perfezione, ma anche per selezionare cosa è importante e cosa invece può essere lasciato a casa senza troppi rimpianti.

Tanti sono gli oggetti che potrebero risultare comodi durante un viaggio in moto, ma quelli che non devono mai mancare, fortunatamente, sono pochi.

Guanti

Potrà sembrare banale e anche un po’ scontato, ma meglio metterlo bene in chiaro: i guanti sono fondamentali anche per fare pochi chilometri, soprattutto per una questione di sicurezza. Non ha importanza la stagione, i guanti non devono mai mancare quando si sale in sella a una moto.

Certamente il clima è una variabile importante, ma solo per capire quale tipo di guanti indossare. Che preferiate la pelle piuttosto che la cordura, il nylon o il gore-tex non fa differenza, scegliete quello che più trovate comodo, ma ricordatevi di non partire mai senza guanti, neanche a ferragosto.

Foulard

Il foulard è essenziale, perché l’aria, quando si raggiungono certe velocità, può essere veramente fastidiosa, nonché dannosa.

Nella stagione estiva un foulard di seta è più che sufficiente se si viaggia di giorno, mentre potrebbe non bastare la sera, nelle località in cui le temperature si abbassano maggiormente; ecco perché una sciarpa lunga o ancora meglio una sciarpa chiusa, possono tornare utili per ripararci dal fresco e dal freddo.

Il foulard di seta può essere utilizzato come bandana al collo, perché anche se abbiamo scelto di trascorrere le vacanze in moto, possiamo sempre essere equipaggate con stile!

I foulards occupano poco spazio, quindi il consiglio è quello di portarne più di uno, così anche durante le passeggiate o le cene al ristorante, potrete sempre contare su un alleato salva stile. Da

foulard per viaggiare in moto a scialle elegante (o stola da sera) il passo è breve: il foulard si trasforma in base alle necessità.

Elastico per capelli

Naturalmente questo vale solo per chi ha i capelli lunghi. Piccolo ed essenziale, l’elastico per i capelli è fondamentale se non volete passare ore e ore spazzolando (o tentando di spazzolare) milioni di nodi che si creano nei capelli. Il casco, infatti, potrebbe lasciare una buona porzione di capelli libera al vento, cosa davvero rischiosa! Come fare? Semplice. Optate per una treccia, anche morbida, che non lasci liberi i capelli di “svolazzare”, solo così riuscirete di nuovo a pettinarvi una volta scese dalla moto.

Occhiali da sole

Essenziali quando si viaggia di giorno, gli occhiali da sole sono utili anche quando di sole ce n’è poco. Mai dimenticare di portarli con voi e di indossarli sin da subito. E per sentirvi davvero perfette scegliete la montatura che più racconta di voi e del vostro mood.

Maglia a maniche lunghe

Ancora una volta la stagione non è importante, perché la t-shirt a manica lunga è utilissima anche in piena estate. Indossare le giacche da moto è fondamentale per la sicurezza, tuttavia a contatto con la pelle potrebbero rivelarsi fastidiose: per non soffrire tessuti e cuciture, indossare una t-shirt a maniche lunghe, meglio se in cotone (o in tessuto tecnico in inverno) è un valido aiuto.

Salviettine multiuso

Certo non sono né un capo di abbigliamento, né un accessorio, ma sono indispensabili sempre e in ogni momento (non solo in moto). Una volta scoperte le userete praticamente per tutto: per le mani, per il viso, ma anche per la visiera del casco, per le scarpe e chi più ne ha, più ne metta!

Sneakers

Parlando di calzature la parola d’ordine è comodità. Certo sarebbero da preferire calzature create appositamente per i motociclisti, quindi perchè non unire sicurezza e tendenza? Ci sono sneakers pensate per chi viaggia in moto, perfette anche per una passeggiata a piedi. Interessante, no?

cosa portare in crociera
Read More
Suggestions

5 cose da portare in crociera

Quando si avvicina il periodo delle vacanze è sempre un momento speciale dell’anno, anche se sono in molti a soffrire di stress da partenza e soprattutto di stress da bagagli!

Preparare tutto il necessario può richiedere diversi giorni, ma l’importante è sempre organizzarsi al meglio per non dimenticare niente, soprattutto se si viaggia con i bambini (più o meno grandi).

Partendo dal presupposto che le possibilità di lasciare a casa qualcosa è sempre in agguato, lasciamoci rincuorare da un dettaglio significativo: quasi tutto potrà essere acquistato a destinazione (salvoche abbiate scelto mete particolarmente ostili!). Tuttavia, per iniziare la vacanza con il piede giusto, senza inconvenienti, sarebbe opportuno stilare una lista dei nostri effetti personali di cui non vorremmo mai fare a meno, così da poter spuntare le voci una dopo l’altra con la tranquillità di averle riposte nei bagagli.

Prima di iniziare a preparare borse e trolley vari bisogna avere ben chiaro il tipo di vacanza che si farà. Un esempio: quando ci si prepara a partire per una crociera ci sono capi e accessori che non dovrebbero mai mancare all’interno di nessuna valigia.

Cosa portare in crociera

Ogni viaggio è differente e ogni meta richiede un diverso tipo di equipaggiamento. A bordo delle navi da crociera è possibile reperire praticamente tutto, ma perché accontentarsi quando possiamo avere con noi ciò che già ci appartiene?

Ecco cosa ricordarsi sempre di portare quando si sceglie di partire per una crociera, qualunque siano le tappe e in qualunque momento dell’anno si decida di partire.

Zaino o tracolla.

Certamente dipende dal tipo di vacanza, ma anche i più devoti al relax e alla tintarella a bordo piscina prima o poi si decideranno a scendere dalla nave per visitare qualche luogo d’interesse. Ecco perché è importante avere una borsa adatta all’escursione, che sia comoda, capiente, ma non troppo grande, per evitare di caricare troppo peso soffrendo per tutta la durata dell’uscita. Lo zaino è una delle scelta più azzeccate, soprattutto se ne portate uno per ogni membro della famiglia, adatto all’età, così da distribuire il necessario, responsabilizzando anche i più piccoli. Se invece si tratta di un’escursione più “soft” potete anche optare per una tracolla, purché le parole d’ordine siano sempre Praticità e Stile, che anche in vacanza non devono mai mancare.

Occhiali da sole.

Indispensabili praticamente in ogni stagione, gli occhiali da sole sono fondamentali per godere al massimo del panorama, soprattutto nelle limpide giornate di sole. Che sia estate oppure inverno non fa differenza, perché gli occhiali da sole devono essere sempre a portata di mano, anche con il freddo.

Foulard.

L’accessorio must-have più importante di sempre è il foulard di seta. Da una parte deve la sua importanza al suo essere un capo perfetto per tutte e quattro le stagioni, dall’altra deve la sua onni presenza al suo essere estremamente versatile.

Il foulard di seta può infatti essere utilizzato in testa come bandana per capelli, al collo, in vita come cintura e anche indossato come pareo o copricostume. In crociera, possibilmente, non dovrebbe mai mancare il foulard, o meglio, i foulards, perché averne a disposizione più di uno può solo essere un plus.

Il foulard è sempre un salva stile, sia che si tratti di un foulard di seta, sia che si tratti si una sciarpa in lana o in cachemire. Ricordate di portare sempre il vostro foulard durante le gite, ma anche durante le serate più glamour. Se poi la vostra meta è famosa per non avere proprio un clima mediterraneo, ecco che anche la pashmina, magari in lana, può tornare utile.

Cappello.

È un altro accessorio ad essere inserito nella top five delle cose da portare assolutamente quando si parte per una crociera. Di cosa si tratta? Semplice. Si tratta del cappello. Cappello con visiera per combattere i dannosi raggi solari e cappello in cotone per riparare da vento o freddo sono tassativamente da mettere in valigia; anche in questo caso non è importante la stagione, perché potrebbero servirvi in tutte le stagioni.

Non è infatti da sottovalutare la possibilità di un colpo di calore improvviso durante le escursioni e neanche la fastidiosa aria che si sente sui pontili. Non vorrete rovinarvi la vacanza?! Se invece la vostra crociera sarà all’insegna delle basse temperature, considerate l’idea di portare un cappello ben più pesante: lana e cachemire saranno perfetti per tenervi al caldo.

Abito elegante.

Ebbene sì, anche se la vostra è una crociera all’insegna dell’avventura, non potrete esimervi dal portare un abito elegante da sfoggiare la sera. La scelta ultima spetta a voi, ma un consiglio potrebbe essere quello di optare per un abito lungo, da abbinare rigorosamente con un bel paio di tacchi alti e bijoux in coordinato. Da non dimenticare, insieme all’abito, di mettere in valigia una stola elegante, perfetta anche per la serata più chic dell’intera vacanza, ma egualmente adatta nei momenti più casual.

Fonte foto: Pexels

come riciclare vecchi foulard
Read More
Suggestions

6 idee per riciclare vecchi foulard

Viviamo in un periodo in cui fare shopping è diventato all’ordine del giorno. Spesse volte facciamo acquisti impulsivi, senza pensarci troppo e non curandoci di tanti aspetti che se presi in considerazione potrebbero far cambiare il nostro punto di vista.

Se ci fermassimo a guardare con attenzione il nostro guardaroba scopriremmo che possediamo davvero moltissimi capi, tra abbigliamento e accessori, ma anche calzature e bijoux. Ecco perché prima di buttarsi a capofitto in compere folli dovremmo per prima cosa fare una selezione di cosa ancora utilizziamo e di cosa invece desideriamo eliminare dal nostro armadio. Solo così potremo avere le idee ben chiare.

Cercando accuratamente tra gli accessori che molto probabilmente non utilizziamo da anni certamente ci imbatteremmo in qualche vecchio foulard. Potrebbe capitare di trovare foulards di seta, ma anche sciarpe di lana, stole eleganti o pashmine. Gli accessori tendono a nascondersi negli angoli più remoti dei cassetti!

Moda e riciclo. Fa bene a noi, al portafogli e all’ambiente

In un epoca in cui la moda parla molto di sostenibilità, di capi eco-friendly e di produzioni green, ecco alcuni consigli per riciclare i vecchi foulard trasformandoli in capi o accessori must-have di cui non potrete più fare a meno. Il tutto senza spendere neanche un centesimo e senza bisogno di ricorrere alla sarta o alla nostra amica più abile nell’arte del cucito.

Foulard seta o cintura?

Può capitare che dopo tanti anni di utilizzo o tanti anni di “isolamento” un foulard di seta appaia rovinato o segnato o ancora sbiadito dal sole o dai lavaggi. Un’idea per reinventarlo potrebbe essere quella di trasformare il foulard, la sola di seta o sciarpine di vario genere in una cintura di tendenza e dallo spirito glamour. Perfetti con il jeans ma anche con ogni pantalone, i foulards trasformati in cinture sapranno dare un tocco di colore al vostro outfit e una nuova vita a molti dei vostri vecchi foulards o delle vostre vecchie sciarpe in seta

Foulard o fascia bandana per capelli?

Se iniziate ad essere interessate al riutilizzo dei foulards che altrimenti non avrebbero più vita, un altro modo per riciclarli è quello di utilizzarli come fazzoletti in testa, effetto bandana oppure effetto fascia. Da prediligere durante la stagione Primavera-Estate, i capelli con bandana renderanno unico il vostro stile. Colori e sfumature sono i benvenuti, per ravvivare un look estivo che lascerà tutti senza parole, non solo in spiaggia e al mare.

Foulard o opera d’arte?

Tra i vari tipi di foulards di seta che potreste incontrare, vi potreste trovare di fronte a un foulard donna con una fantasia o un disegno davvero irresistibili. Avete mai pensato ad appenderli in casa come se fossero delle tele o dei quadri dipinti? L’effetto wow è assicurato, ma occhio al design di casa vostra, perché è bene ricordare che anche in questo caso non tutto sta bene con tutto!

Foulard o pareo?

Quando ci si trova a fare i conti con foulards, pashmine, maxi sciarpe o sciarpe oversize uno dei modi per renderli nuovamente attuali è trasformandoli in parei, non per forza da spiaggia. Tutto dipende dal tessuto e dalla vostra creatività. Non c’è limite alla fantasia, soprattutto in materia di riciclo. Aprite la mente e pensate in grande.

Foulard o bracciale?

Partendo dal presupposto che il vecchio foulard di seta non sia più utilizzabile come foulard tradizionale, che male c’è a tragliarne una porzione per trasformarlo in un bracciale moda, perfetto per dare quel tocco glamour al vostro outfit? Si può intrecciare, si può mixare con altri tessuti o arricchire con charms, per ottenere un bracciale unico che tutte le amiche e colleghe vi invidieranno.

Foulard o borsa?

Borsa? Sì, avete capito bene, borsa. Dare vita a una borsa partendo da un “semplice” vecchio foulard è possibile. Le strade che si possono percorrere sono diverse, ma la più semplice e dedicata veramente a tutte è quella che prevede l’utilizzo solo e soltanto del foulard. È sufficiente legare fra loro i quattro angoli et voilà in men che non si dica avrete realizzato una fantastica borsa, la cui capienza dipende dalla dimenzione iniziale del foulard. Se poi avete la passione per i tessuti e avete voglia di cimentarvi con qualcosa di assolutamente nuovo e unico, potete sempre lasciarvi ispirare dalla vostra creatività e aggiungere parti di altri tessuti come la pelle, il suede, ma anche il cotone o il denim. Un cosa è certa: il risultato sarà sorprendente.

Creativi e designer di tutto il mondo realizzano capi, calzature e accessori che da sempre puntano allo stile e al bello. Sulle passerelle si susseguono i più disparati look e le acconciature più impensabili. Perché quindi non cavalcare l’onda e iniziare a sperimentare qualcuno di questi modi per riciclare i vecchi foulards? Scoprirete che si tratta di un’attività davvero divertente e soddisfacente.

accessori essenziali viaggio aereo
Read More
Suggestions

Gli accessori essenziali da portare in viaggio in aereo

Quando si organizzano le vacanze si guarda proprio a tutto, dalle strutture al meteo, passando per escursioni varie e ristoranti. Lo stesso vale anche quando si preparano le valigie, attività spesso sottovalutata, ma importante per non essere colti impreparati durante le tanto attese ferie.

Innanzitutto è importante prendersi del tempo per pensare a tutto quello che vogliamo portare, soprattutto se abbiamo figli piccoli al seguito, perché si sa, con loro è quasi sempre un trasloco più che una partenza per le vacanze.

Non sono solo i “maniaci del controllo” a voler avere tutto pronto e tutte le cose al posto giusto, perché un bagaglio organizzato al meglio facilità il viaggio e anche la permanenza in vacanza. Provare per credere! Non ha importanza quindi se starete lontani solo per un week-end o per un mese intero, perché quello che conta è avere a disposizione i capi e gli accessori giusti… al momento giusto.

Ogni meta e ogni stagione prevedono un assetto diverso, ma ci sono alcuni capi, o meglio, alcuni accessori, che sono indispensabili sempre e che devono essere a disposizione in ogni momento.

Vacanze in aereo: cosa portare durante il viaggio

Gli occhiali

Da vista o da sole non posssono mancare. Per godere del panorama (quando possibile) per guardare film, libri o riviste, sono l’accessorio necessario per vivere al top il viaggio e la vacanza.

Il foulard

Il foulard (di seta magari) non può mancare all’interno del nostro bagaglio a mano. Le temperature cambiano in continuazione e anche a bordo dell’aereo può rendersi necessario utilizzarlo. In estate sarà sufficiente un foulard leggero, una pashmina o una stola (in seta è l’ideale), mentre in inverno potrebbe essere più indicata una sciarpa in lana (o anche una stola di lana), una maxi sciarpa oppure anche uno scialle in lana o una mantella. Moda in primo piano anche quando si viaggia!

Pochette con i farmaci

Non si tratta di ipocondria. Ebbene la borsa con i medicinali più usati è una di quelle cose che non possono mancare, fosse anche solo per combattere un mal di testa, frequente se le ore di attesa o di viaggio si allungano oltre il previsto. I medicinali essenziali non vanno dimenticati, ma ricordate: non partite con l’intera farmacia!

Svago e passatempo

Ultimo, ma non meno importante, sia che facciate tratte brevi, sia che abbiate scelto mete esotiche un po’ meno vicine, l’ideale è avere sempre a portata di mano qualcosa che vi faccia passare il tempo, perché dopo aver chiacchierato anche con le hostess e dopo aver guardato il terzo film, non ne potrete più di stare davanti allo schermo! Per i più instancabili della tecnologia, invece, il consiglio è quello di avere sempre a portata di mano auricolari o cuffie e caricabatteria o power bank. Difficili da dimenticare in un mondo sempre più digitale, auricolari e caricabatterie sono tra le prime cose che si controlla di avere con sé prima di uscire di casa. Tuttavia è bene non dare per scontata la loro presenza, perché proprio per via del loro sfrenato utilizzo, potrebbe succedere di averli lasciati altrove.

Come vestirsi quando si viaggia in aereo

Se non si tratta di un viaggio di lavoro, il segreto per vivere un viaggio super e tranquillo è quello di essere comodi, pratici e leggeri. Ma qui urge un appunto: comodi non significa trasandati. Si può essere comodi senza abbandonare il buon gusto, optando per vestibilità morbide e prediligendo magari un elastico in vita (considerando le eventuali molte ore di volo da trascorrere seduti nella stessa posizione).

Gonne, meglio se lunghe, o pantaloni morbidi e non troppo pesanti sono un’ottima scelta per la partenza. In abbinamento magari potete indossare una maxi t-shirt, in tinta unita o fantasia, che sia adatta al resto del vostro look. Un occhio di riguardo è bene darlo anche alla scelta delle calzature, poiché è noto che in aereo si potrebbe soffrire di un po’ di gonfiore a piedi e caviglie; addio quindi a scarpe o sandali molto stretti, che potrebbero trasformarsi in una vera sofferenza e largo alle sneakers, che sono perfette con ogni outfit. E per quelle che non possono proprio fare a meno del tacco, il consiglio è quello di non esagerare con l’altezza, preferendo se possibile un tacco largo, che fa la sua figura lasciandovi più libere nei movimenti.

Anche se siete in partenza per le vacanze e avete un gran bisogno di libertà, non dimenticate gli accessori e un filo (almeno!) di make-up, utile a farvi sentire a vostro agio in ogni momento. E se all’ultimo vi accorgete di non avere abbastanza tempo per la piega o per fare un’acconciatura, potrete sempre puntare su una bandana per capelli. Dopotutto le bandane in testa fanno già pensare alla spiaggia ancora prima di aver raggiunto la meta.

come lavare foulard seta
Read More
Suggestions

Come lavare un foulard di seta senza rovinarlo

Basterebbe aprire il guardaroba di ognuno di noi per scoprire che abbiamo molti più vestiti (ma anche calzature e accessori) di quanti immaginiamo di possederne realmente.

Ecco dunque che se cercando bene e con attenzione, in fondo all’ultimo cassetto dell’armadio salterà fuori qualla t-shirt che avevamo ormai dimenticato da anni, e lo stesso vale per gli accessori, di ogni stagione.

Spesso regalare una nuova vita ai capi un po’ vecchiotti o che semplicemente sono passati di moda, può essere un’impresa complicata, ma ci sono alcuni accessori con i quali re-inventare diventa semplice e il divertimento è assicurato. È il caso del foulard.

Diciamo la verità, chi non ha un foulard più o meno nascosto nell’armadio?

Sia che siate delle accanite sostenitrici del foulard di seta al collo anche a ferragosto, sia che invece andiate a passeggio senza sciarpa di lana anche durante l’inverno più rigido, sicuramente di questi accessori ne possedete almeno una decina.

Rinnovare un foulard o una sciarpa in seta da donna è cosa semplice: avete mai pensato di utilizzare i foulards di seta come bandane per capelli? Basta poco et voilà, il gioco è fatto! Lasciate che sia la vostra creatività a trovare la soluzione più in linea con i vostri gusti, ma senza mai perdere di vista lo stile.

Diversamente se il problema della vostra sciarpa o del vostro foulard sono il colore o la fantasia, o peggio entrambi, potrebbe tornarvi utlile “giocare” con i lavaggi e provare a cambiare quello che proprio non vi piace più. Basta un bucato contenente una sciarpa di lana rossa per dare un tocco pink a tutto!

Lavatrice. L’importanza del lavaggio del foulard di seta

Oggigiorno tutto ruota attorno a una vita sempre più frenetica, stressante e sempre caratterizzata da pochissimo tempo a disposizione per fare qualsiasi cosa. Non parliamo poi delle faccende domestiche! Fortunatamente tutti possiamo contare su un fedele alleato: la lavatrice.

La lavatrice è fondamentale e adatta a lavare quasi la totalità dei capi e quindi dei tessuti. Certo è che ci sono alcuni accorgimenti che dovrebbero essere sempre ben chiari prima di schiacciare il tasto start.

  • Colori. Attenzione innanzitutto ai colori dei capi che mettete all’interno dello stesso lavaggio. A meno che la vostra intenzione non sia quella di colorare qualcosa, cercate di tenere le stesse nuance insieme, separando i colori più accesi, che potrebbero danneggiare il resto.
  • Tessuti. Uno sguardo ai tessuti è essenziale. Potrete non essere d’accordo, ma ci sono tessuti che non si possono (e non si devono) lavare in lavatrice.
  • Etichetta interna. L’etichetta interna dei capi è fondamentale, perché non ci dice solo di quali materiali è composto il nostro foulard, la nostra stola elegante o la nostra maxi sciarpa, ma ci comunica tutto ciò che dobbiamo sapere in materia di salvaguardia e di lavaggio. Gradi, centrifuga e tipologia di lavaggio. Tutto è scritto nero su bianco e per non rischiare sarebbe utile attenersi alle indicazioni.

Come lavare un foulard di seta senza rovinarlo?

È banale, ma per prima cosa dovete obbligatoriamente sapere cosa riporta l’etichetta. Ricordate che il foulard di seta può anche essere solo rinfrescato, senza obbligatoriamente passare dalla lavatrice. È sufficiente un veloce lavaggio a mano.

Per non sbagliare optate sempre per un lavaggio a mano, magari con l’aggiunta di un detersivo poco aggressivo, così da preservare colori e tessuto. Lasciare un po’ a bagno il foulard è possibile, ma in questo caso è bene non esagerare con i tempi.

É interessante sapere che ogni lavatrice (non solo gli ultimissimi modelli) dispone di un programma appositamente creato per i capi delicati come i foulards di seta. Selezionando il giusto programma, impostando i 30° ed eliminando la centrifuga, sarete sicure di ottenere un risultato perfetto e il foulard di seta tornerà come nuovo.

Lo stesso discorso vale per le vostre pashmine e per le sciarpe pesanti (sciarpe di lana o sciarpe di cashmere). Anche in questo caso, occhio all’etichetta. Un consiglio: meglio lavare a qualche grado in meno che lavare a qualche grado in più, quindi dimenticate la sentenza latina secondo la quale sarebbe melius abundare quam deficere.

In materia di lavaggio merita un approfondimento anche l’utilizzo dell’asciugatrice, sempre più in voga e sempre più abusato.

Dopotutto a chi non piacerebbe abolire la presenza dei panni stesi in casa? Poter disporre di un’asciugatrice è diventato desiderio comune di chiunque si occupi del bucato, ma se da una parte è vero che accorcia nettamente le tempistiche di lavaggio rendendo presto disponibile i nostri vestiti, dall’altra è doveroso dire che non tutto si può mettere in asciugatrice, perché il rischio di ritrovarsi con il guardaroba di un’altra taglia o di trovare le paillettes, le pietre e le borchie separate dalle t-shirt… è sempre dietro l’angolo. Quindi utilizzate sì l’asciugatrice, ma sempre con cautela e lungimiranza.

mantelle lana
Read More
Suggestions

Mantelle di lana: istruzioni per l’uso

Le mantelle di lana stanno tornando di gran moda. Non appena iniziano i primi freddi, ecco che si vedono sfoggiare le prime mantelle, con o senza cappuccio non fa differenza, spesso indossate sopra la giacca oppure, se il freddo si presenta più pungente, indossate sopra il giubbotto pesante.

Di mantelle ne esistono di tessuti diversi e di modelli diversi, sebbene la modalità di utilizzo appaia la stessa. Mantelle lana, mantelle cashmere, mantelle pelliccia, sono solo alcuni dei tessuti più richiesti per le mantelle moda, che sono davvero comode e pratiche. E perché no, sono capaci anche di diventare mantelle eleganti se scelte con attenzione con un occhio sempre puntato alle tendenze fashion del momento.

Utilizzare e indossare la mantella di lana è facile, dovete solo prestare attenzione alla forma e alla lunghezza. Più la mantella è corta e più è necessario che sia scelta perfettamente in linea con l’abbigliamento che abbiamo deciso di indossare sotto la mantella. La mantella di lana, a seconda della stagione, può essere considerata un vero capo spalla, da preferire a giacche e giacchine, per ripararci dai primi freddi.

Bella, comoda e pratica, la mantella in lana o la mantella in lana di cashmere è perfetta per le più freddolose che possono contare sulla mantella anche nei locali chiusi e essere sempre alla moda.

Mantelle per ogni stagione

Non solo mantelle di lana o mantelle di cashmere, perché anche la Primavera-Estate può essere il periodo giusto; le mantelle estive sono ormai da definirsi dei must-have.

Cosa c’è di più utile di una mantella per riparare dalle pioggerelle estive? Largo dunque ai colori, meglio se fluo, per dare un tocco glamour al vostro look! Giallo, verde, rosa o anche arancio, con la mantella potete osare e liberare la vostra anima più creativa.

Spesso le mantelle estive si rivelano molto più utili di quelle invernali, perché è proprio quando fa più caldo che nel momento in cui la temperatura si abbassa (magari durante un veloce temporale estivo) che abbiamo bisogno di indossare qualcosa che ci ripari, ma senza scaldarci troppo. Il capo perfetto per svolgere questa funzione? La mantella ovviamente.

Mantelle eleganti

Cosa abbinare su un abito raffinato, magari indossato per una cerimonia particolare o una serata unica? Se è inverno e le temperature iniziano ad abbassarsi, la mantella può essere il capo adatto all’occasione, l’importante è saper scegliere quella più adatta in ogni momento della giornata e per ogni evento, dal più semplice al più mondano.

Per non sbagliare tenetevi su colori delicati, meglio ancora se con poche fantasie o microfantasie. Scegliete magari un modello un po’ più corto, così da dare risalto all’abito e il gioco è fatto: in men che non si dica sarete pronte per la festa anche indossando una mantella di lana, elegante naturalmente! Il successo è assicurato.

Puntate dunque sulle stole da cerimonia e sullo scialle elegante, ma non dimenticate che per le occasioni più eleganti o più raffinate, anche una mantella (elegante) fa la sua figura. E se siete voi la sposa ancora meglio: una bella mantella in pelliccia o eco-pelliccia (la scelta è vostra) vi farà fare un’ingresso davvero da lasciare a bocca aperta il vostro futuro marito e tutti i vostri ospiti.

Se volete andare più sul sicuro senza esagerare troppo (rischiando magari di sbagliare) puntate su una mantella che sia della stessa nuance dell’abito nuziale, ma se invece vi sentite di voler osare di più, potete stravolgere completamente il mood del vostro look da sposa e accompagnare il vostro abito con una mantella colorata o a fantasia. Nessuno dimenticherà il vostro outfit.

Manto significato

Nel Medioevo il mantello caratterizzava principalmente la nobiltà ed era simbolo di dignità, tanto che sulla base proprio del mantello si distinguevano gli ordini cavallereschi.

Il mantello, o manto, viene definito così dall’enciclopedia Treccani: “Indumento maschile o femminile, lungo e ampio, privo di maniche, spesso con cappuccio, che si porta sopra i vestiti, appoggiato sulle spalle e agganciato al collo in modo che ricaschi tutto intorno alla persona e possa drappeggiarsi variamente”.

Attraverso i secoli, il mantello è poi diventato un capo di abbigliamento non solo maschile, tanto che oggi, sono principalmente le donne a portarlo. Che sia tipo poncho o che sia tipo mantella sopra il giubbotto, il mantello è ormai di uso comune ed è anche un capo davvero di tendenza.

Mantella moda oggi

Dal Medioevo a oggi ne sono passati di secoli e di mode. La mantella di lana, oggi, è un capo utile da avere sempre a portata di mano all’interno del guardaroba. Non farà di certo effetto nobiltà o cavaliere, ma di sicuro vi regalerà un tocco chic che non fa mai male!

stole da cerimonia come abbinarle
Read More
Suggestions

Stole da cerimonia: ecco come abbinarle

Ogni stagione ha le sue particolarità. Parlando di Primavera-Estate come si può non pensare alle cerimonie? Che siano matrimoni, battesimi, comunioni o cresime non fa differenza: l’importante è sfoggiare sempre il perfetto look, o almeno provarci.

Di abiti da cerimonia ne esistono una quantità e ce ne sono davvero per tutti i gusti. Che preferiate essere delle vere principesse oppure che la vostra idea sia di un outfit da cerimonia più minimal non è importante, perché il segreto è creare il giusto abbinamento tra abito e accessori, senza tralasciare il make-up e l’acconciatura.

Parlando di cerimonia l’attenzione si concentra tanto sul vestito, quanto sulla stola, apparentemente (ma solo apparentemente) un accessorio aggiuntivo. Ma davvero si tratta di un accessorio secondario? La verità è che il solo abito non basta a creare un look da sogno, perché ogni cosa deve essere al posto giusto e tutti dettagli devono essere scelti e indossati con stile.

Le stole per abiti eleganti sono da scegliere con attenzione.  Innanzitutto è importante capire che tipo di cerimonia sarà quella a cui parteciperemo, così da poter pensare all’outfit più indicato, che inevitabilmente ci farà sentire al top e sempre a nostro agio in ogni momento della festa.

Seconda cosa da considerare è la stagione: non tutte le cerimonie si svolgono al caldo, c’è chi preferisce i mesi invernali. Ecco perché è bene avere sempre a disposizione stole di lana e sciarpe eleganti, decisamente utili ad arricchire e abbellire gli abiti, anche quando scegliamo il mostro look all’ultimo momento, indossando quello che già abbiamo nel nostro guardaroba.

Pensando alle stole eleganti, modelli, colori, fantasie e tessuti sono troppi da elencare, ma forniscono una vasta gamma di scelta, per accontentare tutte, anche le più esigenti o le più indecise.

Non siete mai soddisfatte della vostra proposta di look? Vi sembra sempre che manchi qualcosa, ma non sapete cosa? Ecco un piccolo segreto utile a non farsi prendere dal panico da stile: fate una bella scorta di stole colorate, stole di lana, stole particolari e stole eleganti in seta, così non sarete mai colte alla sprovvista e avrete sempre un capo must-have sul quale contare per essere perfette. Non è importante averne tantissime, bensì avere quelle giuste, pensate per valorizzare al massimo la persona e la personalità.

E se poi non vi capitano inviti a cerimonie, non disperate: la vita di tutti i giorni è perfetta per ogni stola e potrete sfoggiarle tutte senza ripensamenti. E poi dicamo la verità: non è sempre necessario che ci sia di mezzo una ricorrenza per voler essere un po’ eleganti.

Stola matrimonio? Sì grazie!

Che il matrimonio si svolga in Chiesa oppure in Municipio è sempre bene poter contare su una stola salva look. Di qualunque nuance o fantasia di colori abbiate scelto il vostro abito, un evergreen è la stola bianca. Si abbina su tutto ed è sempre elegante. Cercare la giusta stola da matrimonio non è sempre cosa semplice, poiché di stole per cerimonia ne esistono tantissime, ma bisogna essere attente a non lasciare che la stola diventi l’unica protagonista indiscussa, portando comunque il focus sull’abito.

L’abito da cerimonia senza stola è un vestito a cui manca qualcosa. Qualcosa di cui non si può fare a meno. Molti infatti sono gli abiti che vengono venduti con la stola abbinata in colore e tessuto, anche se ogni tanto osare proponendo qualcosa di diverso e inaspettato può creare l’effetto wow, ambitissimo dalle fashion addicted più agguerrite, ma non solo!

Si potrebbe quindi riassumere dicendo che per accompagnare un vestito da cerimonia non  bisogna per forza pensare alla classica stola elegante o allo scialle per cerimonia. Capita spesso che un bellissimo abito elegante emerga maggiormente se abbinato a una stola semplice, magari dai colori delicati o in tinta unita. Ricordate: con le stole nere e con le stole bianche non si sbaglia (quasi) mai.

Come indossare stole eleganti

Come già detto, ancora una volta tutto dipende dal tipo di abito. La stola si può portare elegantemente appoggiata sulle spalle, come nel più classico degli utilizzi, ma si può anche appoggiare sulle braccia delicatamente, in maniera un po’ “casuale”, ma che casuale davvero non è.

Diversamente ci sono abiti sui quali si presta bene una stola un po’ più coprente, indossata “tipo mantella” e che diventa un tutt’uno con l’abito stesso. Anche perché alla fine la stola, la sciarpa e lo scialle diventano inevitabilmente co-protagonisti.

Non esiste una sola regola per indossare la stola elegante; ogni donna può trovare il proprio stile, andando sempre incontro alla sua personalità, al suo stato d’animo e al suo modo di essere, che è bello far emergere anche attraverso gli abiti, un modo di comunicare davvero unico e divertente da sperimentare, in ogni occasione e in ogni momento della vita, più o meno speciale.

12